L'Area 0 dello standard descrittivo ISBD è stata prevista come obbligatoria dal protocollo SBN versione 2. L'area ha lo scopo di indicare il tipo di oggetto descritto dalla notizia bibliografica (contenuto) e il tipo di modalità con cui l'oggetto bibliografico può essere fruito (mediazione).

In Clavis i dati relativi all’Area 0 si trovano nella lista dei campi codificati indicati con i numeri 181 e 182.

Per le notizie importate da SBN, quest'area può essere generata in automatico oppure derivare direttamente dall'Indice SBN.

Di seguito viene descritto il contenuto dei campi 181 e 182, con la precisazione del significato bibliografico dei singoli valori ammessi.

Contenuto (campo 181)

Forma del contenuto (obbligatorio)

dataset

un contenuto espresso mediante dati codificati in forma digitale, destinati all’elaborazione via computer; gli esempi includono i dati numerici, i dati ambientali, etc., che si usano nelle applicazioni software per calcolare medie matematiche, correlazioni, etc., o per produrre modelli, etc., ma che non si visualizzano normalmente in forma grezza. Si escludono la musica registrata in forma digitale (vedi musica), il linguaggio (vedi parlato), i suoni (vedi suoni), le immagini riprodotte al computer (vedi immagine) e i testi (vedi testo)

immagine

un contenuto espresso mediante linee, forme, ombre, etc.; un’immagine può essere fissa o in movimento, a due o a tre dimensioni; gli esempi includono le riproduzioni d’arte, le carte geografiche, le carte geografiche in rilievo, le fotografie, le immagini di telerilevamento, gli stereogrammi, i film e le litografie

movimento

un contenuto espresso mediante il moto, cioè l’atto o il processo tramite il quale si cambia la posizione di un oggetto o di una persona; gli esempi includono la notazione della danza, l’azione scenica o la coreografia, ma escludono le immagini in movimento, come i film (vedi immagine)

musica

un contenuto espresso mediante toni o suoni ordinati in successione, in combinazione e in relazione temporale, in modo da produrre una composizione; la musica può essere scritta (notazione), eseguita, o registrata in forma analogica o digitale, consistendo in suoni vocali, strumentali o meccanici dotati di ritmo, melodia o armonia; gli esempi includono la musica scritta, come le partiture o le parti, e la musica registrata, come i concerti, l’opera e le registrazioni in studio

oggetto

un contenuto espresso in forma tridimensionale, sia mediante cose e organismi naturali, sia mediante prodotti realizzati dall’uomo o dalla macchina; gli esempi, che comprendono anche le strutture tridimensionali o realia, includono le sculture, i modelli, i giochi, i puzzle, le monete, i giocattoli, le costruzioni, le attrezzature, i capi di vestiario, i manufatti e altri articoli. Le cose e gli organismi naturali includono i fossili, le rocce, gli insetti, i campioni biologici su vetrino, etc.; gli oggetti cartografici includono i globi, i modelli in rilievo e le sezioni trasversali a vista laterale tridimensionale diverse dalle carte geografiche in rilievo (vedi immagine)

programma

un contenuto espresso mediante istruzioni codificate in forma digitale, destinato all’elaborazione e all’esecuzione via computer; gli esempi includono i sistemi operativi, le applicazioni software, etc.

suoni

un contenuto espresso mediante suoni prodotti da animali, uccelli, fonti sonore naturali, oppure mediante suoni simulati dalla voce umana o da strumenti digitali (o analogici); gli esempi includono le registrazioni del canto degli uccelli, i richiami degli animali e gli effetti sonori, ma escludono la musica registrata (vedi musica) e il linguaggio umano registrato (vedi parlato)

parlato

un contenuto espresso mediante il suono della voce umana che parla; gli esempi includono i libri parlanti (audiolibri), le trasmissioni radiofoniche, le registrazioni di racconti orali e le registrazioni audio di opere teatrali, sia in forma analogica che in forma digitale

testo

un contenuto espresso mediante parole, simboli e numeri scritti; gli esempi includono i libri (a stampa oppure elettronici), le corrispondenze, i database di periodici scientifici e i giornali in microfilm

multipla

un contenuto misto al quale si applicano tre o più forme

altre forme

forme diverse da quelle sopra descritte

Tipo di contenuto (obbligatorio se applicabile)

Le qualificazioni si aggiungono quando sono possibili diverse opzioni per una data forma del contenuto, p.e. testo (//visivo//) oppure testo (//tattile//); immagine (//fissa// ; bidimensionale) oppure immagine (//fissa// ; tridimensionale).

notato

un contenuto espresso mediante un sistema di notazione, a scopi artistici p.e. la musica, la danza, la rappresentazione scenica), destinato a essere percepito visivamente

eseguito

un contenuto espresso in forma uditiva o visibile, in un dato tempo, e registrato in una risorsa; include le esecuzioni registrate di musica o di movimento, la musica generata via computer, etc.

cartografico

un contenuto che rappresenta l’intera Terra o parte di essa, o qualsiasi corpo celeste a qualunque scala; include le carte geografiche, gli atlanti, i globi, i modelli in rilievo, etc.

Tipo di movimento

(Da usare solo con la Forma del contenuto immagine). La forma del contenuto immagine si qualifica per mostrare la percezione di presenza o assenza di movimento nel contenuto dell’immagine di una risorsa.

in movimento

il contenuto di un’immagine che è percepita come in moto, di solito per una rapida successione di immagini

fissa

il contenuto di un’immagine che è percepita come statica

Tipo di dimensione

(Da usare solo con la Forma del contenuto immagine). La forma del contenuto immagine si qualifica per indicare il numero di dimensioni spaziali in cui l’immagine è destinata ad essere percepita.

bidimensionale

il contenuto di un’immagine che si intende far percepire in due dimensioni

tridimensionale

il contenuto di un’immagine che si intende far percepire in tre dimensioni

non applicabile

Tipo di sensorialità (possibili 3 scelte)

Questo attributo indica un senso umano tramite il quale il contenuto di una risorsa pubblicata è destinato a essere percepito.

uditivo

un contenuto che si percepisce tramite l'udito

gustativo

un contenuto che si percepisce tramite il gusto

olfattivo

un contenuto che si percepisce tramite l'olfatto

tattile

un contenuto che si percepisce tramite il tatto

visivo

un contenuto che si percepisce tramite la vista

182 Mediazione

Tipo di mediazione

microforma

per le risorse leggibili da lettori di microforme, supporti per la memorizzazione di immagini di dimensioni ridotte, non leggibili dall’occhio umano, da usare con dispositivi come un lettore di microfilm o di microfiche; include i supporti micrografici per trasparenti e per opachi

microscopio

per le risorse leggibili da microscopi, supporti per la memorizzazione di oggetti minuti, da usare con dispositivi come un microscopio per rivelare dettagli non visibili a occhio nudo

proiettato

per le risorse leggibili da proiettori, supporti per la memorizzazione di immagini fisse o in movimento, da usare con dispositivi per la proiezione, come un proiettore di film, un proiettore di diapositive, una lavagna luminosa; include i supporti per la proiezione di immagini bidimensionali e tridimensionali

stereografico

per le risorse leggibili da visori stereografici, supporti per la memorizzazione di coppie di immagini fisse, da usare con dispositivi come un visore stereoscopico o stereografico

video

per le risorse leggibili da lettori video, supporti per la memorizzazione di immagini fisse o in movimento, da usare con dispositivi per la riproduzione (playback device), come un lettore di videocassette o di DVD; include i supporti per la memorizzazione di immagini codificate sia in forma digitale sia in forma analogica

mediazione multipla

per le risorse con supporti misti alle quali si applicano tre o più tipi di supporto

altra mediazione

mediazione diversa da quelle sopra elencate